Le Fosse Comuni dimenticate

Oggi si è ricordato lo sterminio ad Auschwitz,ma non c’era solo questo campo,sappiamo che in tutta la Germania c’erano dei campi,cosi in Austria,in Polonia,in Russia,in Ungheria,in Bulgaria,nell’ex Jugoslavia,e tanti altri senza dimenticare tutti gli italiani morti in Istria,Cefalonia,Russia.

Ma fà comodo pensare ad Auschwitz perchè è il nome che più è rimasto nella memoria di tutti,io non sono per la negazione,anche perchè mi viene difficile non credere a tutte le testimonianze,e i corpi ritrovati,ma la cosa più assurda è che da quella lezione di barbarie non si sia imparato niente,anche oggi chi parla di ricordare o di non dimenticare usa armi letali sia per i soldati che per le popolazioni civili.

Per chi non lo sapesse sia in Afghanistan,sia in kosovo,in LIbia,in Kuweit,in Iraq si sono usate armi con uranio impoverito,i nostri giovani che hanno fatto solo il loro dovere muoiono tutti i giorni per questa malattia,noi ci lamentiamo di come vanno le cose ma ricordiamoci che la storia e il ricordo di tanti e non va buttato via.Ma da queste storie bisogna trarre insegnamento,mettendo in atto ciò che si predica,quello che non fanno i nostri politici,che stanchi di non trovare nuove idee,tirano fuori pensieri del passato,senza che nessuno li abbia cercati.

Mussolini è stato e sarà per me un grande statista,uno che amva la patria,un vero italiano ma che al momento di tirar fuori i coglioni,se fatto prendere il sopravento dall’utopia di Hitler,si sentiva ancora protagonista,chi cerca di essere cosi sbaglia,perchè rischia di portare il proprio paese alla disfatta.

Berlusconi ha solo posto quello che i veri italiani sanno,non è un uomo che fà la nazione,ma la nazione fà un grande uomo,e tutti quei italiani che oggi denigrano e criticano,ieri erano in piazza a gridare Duce!Duce!,siate coerenti e non rinnegate il vostro essere,solo così si può lasciare un ricordo alle future generazioni.

Le Fosse Comuni dimenticateultima modifica: 2013-01-27T22:47:00+01:00da odino641
Reposta per primo quest’articolo